L’Ilva rassicura sul fiume rosso: “Area impermeabilizzata, cento tonnellate d’acqua rimosse”

di Gianni Puglisi Commenta

L’area in cui si è verificato il fenomeno del “fiume rosso” è completamente impermeabilizzata e l’Ilva si è attivata per aspirare l’acqua in eccesso, rimuovendone già 100 tonnellate, dicono fonti vicine all’azienda. Ma il lavoro continuerà anche nelle prossime ore, finché l’emergenza della pioggia incessante che ha messo in ginocchio Taranto non sarà completamente rientrata. Questo è ciò che emerge dopo che l’acciaieria di Taranto è di nuovo finita al centro dell’attenzione e attaccata da più parti a causa di una foto pubblicata dalla pagina Facebook “Solo a Taranto”, che dopo poche ore era già stata condivisa da più di 1200 utenti.
L’immagine ritrae un fiume rosso nei pressi dello stabilimento siderurgico, un colore che secondo tanti utenti del social era dovuto al fatto che l’acqua fosse infettata dai “minerali dell’Ilva”. Una notizia che arriva a pochi giorni da quella, lieta, del via libera del Ministero dello Sviluppo Economico all’avvio dei lavori per la copertura dei parchi minerari dell’acciaieria.
Le stesse fonti hanno fatto sapere che l’area in cui si è verificato il fenomeno è completamente impermeabilizzata e circoscritta da appositi cordoli che hanno la funzione di prevenire potenziali sversamenti di materiale residuo che può depositarsi durante le operazioni di carico-scarico. A causa dei fenomeni atmosferici particolarmente intensi che hanno insistito su Taranto negli ultimi giorni, l’acqua si è accumulata in quantità straordinaria. Già nel fine settimana, l’azienda si è attivata tempestivamente richiedendo l’intervento di una ditta autorizzata per aspirare l’acqua in eccesso. Nella sola giornata di oggi ne sono state rimosse circa 100 tonnellate. L’attività di rimozione e monitoraggio sta continuando e proseguirà anche nelle prossime ore.
I disagi che hanno messo in ginocchio la città intera sono, dunque, gli stessi che ha dovuto affrontare l’Ilva, ancora una volta finita nel mirino della “rete che non perdona”. Una foto simile a quella circolata in queste ore era stata diffusa anche nel 2013.