World Press – Rassegna Stampa Internazionale del 20 giugno 2008

di Paolo Riva Commenta

Ore 01:37. Con la sistemazione a tempo di record del mio pc, che mi ha abbandonato giusto giusto ieri notte a causa di un corto circuito, finalmente rieccomi a farvi compagnia come tutte le mattine per la rassegna stampa che vi guida ai fatti più interessanti della giornata. Nel frattempo voglio porgere un sentito ringraziamento ad Angela Gennaro, mia collega qui in Politicalive, per non avervi abbandonato nella giornata di ieri.


Italia: In Italia sono i due gli argomenti dominanti uno interno e uno esterno al paese. Se da “dentro” sembra di rivedere uno scenario già visto, 1994 rimembrate…, con la Lega che vota contro il governo che ella stessa sostiene contro le normative dei rifiuti, da “fuori” è la retata a Wall Street, che meglio analizzeremo coi quotidiani USA, a tenere banco. Torniamo al nostro paese però, perchè da La Stampa scopriamo che:

“Rifiuti, governo sotto due volte. La Lega vota con l’opposizione”

Alla fine li hanno “traditi”. Si voglia far credere che sia stato anche solo un voto politico e nient’altro, ma quelli che teoricamente sarebbero dovuti essere gli alleati affidabili improvvisamente ritornano i fantasmi di un passato mai dimenticato. Un passato dove nelle barzellette il Senatur andava a casa di Berlusconi e rubava le posate d’oro. Un passato che nella mente di Berlusconi riporta solo brutti ricordi.

USA: Sarebbero circa 1 miliardo di dollari il quantitativo della frode che vedrebbe coinvolti circa 300 agenti di borsa e affini che avrebbero approfittato delle evoluzioni dei prezzi delle case negli ultimi periodi nei vari stati per poter ricavarcene una fortuna.

“Hundreds swept up in mortgage fraud arrests” – “Centinaia di arresti per le frodi di ipoteca”

L’operazione, chiamata dal FBI “Operation Malicious Mortgage”, ovvero “Operazione Ipoteca Maliziosa” è stata attivata dal 1 marzo ed ha comportato lo spiegamento di circa 500 agenti. Tutto questo mentre il Mississipi e il suo livello delle acque stanno inondando le campagne della zona vicino a St.Louis. E la situazione, al momento attuale, non sembra affatto destinata a fermarsi.

Francia: Come sempre Le Monde catalizza la sua attenzione sugli Europei 2008, quasi un miracolo che per ora solo la Francia lo abbia messo come prima pagina, segnalando il passaggio del turno di una Germania che supera una delle favorite di inizio torneo, il Portogallo di Cristiano Ronaldo, per 3 a 2. Su Le Figaro invece il titolo riguarda tutt’altro:

“Mettre en œuvre les décisions prises” – “Mettere in atto le decisioni prese”

Queste sono le parole di Hervè Morin, il ministro della difesa francese. Le sue parole riguardano la stesura del “livre blanc”, ovvero il libro bianco. Infatti, da sempre criticato a causa dei ragionare secondo scelte politiche, l’esercito meritava un “modus operandi”. A tal proposito il ministro Morin ha deciso appunto di scrivere delle regole, raccolte nel livre blanc appunto. Un libro che servirà appunto a “mettere in atto le decisioni prese”.

Gran Bretagna: Povera Martha Stewart, per lei i problemi finanziari sembrano non finire mai. Dopo la varia vicissitudine giudiziaria dovuta allo scandalo della vendita delle azioni della ImClone System e il conseguente arresto per truffa ecco una nuova beffa. Infatti sarebbe notizia di poche ore fa che la Stewart, che ha ormai scontato la propria pena, abbia provato a pagare con una carta di credito in un negozio a Londra, ma che gli sia stata respinta. Una persecuzione che probabilmente seguirà la Stewart per sempre. Questo mentre sul The Times si riporta una notizia, non felicissima purtroppo, proveniente dallo Zimbabwe:

“Mugabe thugs killed and mutilated MDC youth activists” – “I compagni di Mugabe hanno ucciso e mutilato i giovani attivisti del MDC”

Inutile cercare di spiegare una notizia di questo genere, dove già tutto è più che comprensibile nella poche parole. Una sola conclusione, che alla fine può essere benissimo una riflessione: non sarebbe ora, finalmente, di eliminarne uno per salvarne milioni?

Germania: Semifinale! Portogallo a casa e “alemanni” avanti. Una partita che ha visto protagonista di un grande match la coppia Ballach – Schweinsteiger. I due promettono battaglia, ma soprattutto puntano sempre più decisi verso la finale di Vienna.

Spagna: I quotidiani spagnoli sono uniti in un unico, grande titolo:

“La Unión Europea acuerda levantar las sanciones contra Cuba” – “La UE è concorde a togliere le sanzioni contro Cuba”

La posizione dell’Unione Europea si è molto ammorbidita nei confronti del paese del centro America soprattutto dopo la venuta di Raul Castro, che ha cercato di rilassare i rapporti tra le due parti. Un dialogo vero e proprio è comunque ancora lontano visto che il successore di Fidel ha intenzione di sedersi a un tavolo solo nel momento in cui le sanzioni saranno definitivamente levate.

Cina: E con loro abbiamo finito. Già perchè come abbiamo visto nei quotidiani del vecchio continente nelle ultime settimane, ecco arrivare anche in Cina il titolo che nessun cittadino, a parte i petrolieri, avrebbe voluto leggere:

“China raises prices of oil, electricity” – “La Cina aumenta il prezzo del pertrolio e dell’elettricità”

Il rincaro stimabile intorno ai 12 – 15 centesimi al litro in più, ha portato alle tipiche scene di follia di fronte alle pompe di benzina, con interminabili code per rifornirsi a prezzi “convenienti”.

Lascia un commento