Berlusconi: “Sovranità popolare in mano ai pm”

di D. Spagnoletto Commenta

 La sovranità non è più nelle mani del popolo ma nelle mani di alcuni pm che attraverso la Corte costituzionale si fanno abrogare alcune leggi“. L’ha dichiarato Silvio Berlusconi parlando all’Assemblea di Federalberghi.

Se una legge – continua il premier – non piace ai pm di magistratura democratica vanno alla Corte costituzionale e se la fanno abrogare“. “Ha pochi poteri“, così il leader del centrodestra etichetta la libertà di governare in Italia da parte del presidente del Consiglio.

Lascia un commento