Comunali Roma: analisi dei candidati alla poltrona della Capitale

di Alba D'Alberto Commenta

Una sfida all’ultimo click quella per la poltrona di sindaco di Roma. E Milano non è da meno. Un’analisi dei candidati dimostra chi è più social e su quali temi verte il confronto tra le parti. Ecco l’analisi fatta dall’Accademia della Comunicazione e il confronto con il monitoraggio di Isaydata. 

Cosa sono i “Big Data“? Se ne sente parlare da qualche anno anche se la politica – Renzi a parte – non ne fa un uso smodato. Si tratta degli innumerevoli dati che arrivano dall’analisi della rete internet. Per rendere più semplice il discorso potremmo dire che partendo dai profili Facebook, Twtitter, Instagram, unendo i dati che arrivano dai blog dei vari politici e dalle testate online, si possono accumulare informazioni utili a definire la posizione e la reputazione del singolo su internet. I Big Data sono stati usati dall’Accademia della Comunicazione per analizzare i candidati a sindaco di Milano e Roma. Un percorso analogo è stato fatto sulla base del monitoraggio i Isaydata che ha tenuto sotto controllo la rete dal 5 al 17 maggio. Che risultati otteniamo da queste due analisi a meno di 10 giorni dal voto?

Il primo dato interessante che arriva dall’analisi dell’Accademia della Comunicazione è che quella delle Comunali di Roma è una sfida più politicizzata delle comunali di Milano tanto che nelle citazioni presenti online compaiono spesso gli hashtag #Renzi, #Pd e #Berlusconi. Mancano spesso, invece, i riferimenti ai contenuti e ai programmi. Se poi si valuta la presenza social o in rete dei candidati, allora si scopre che “in testa c’è Giorgia Meloni, con 9.254 menzioni, poi Virginia Raggi con 8.508, Alfio Marchini con 7.586, Giachetti con 6.127, Fassina con 2.902, gli altri a seguire”.

Il monitoraggio della rete fatto da Isaydata offre una panoramica diversa e più completa. Innanzitutto si prende in esame la quantità delle citazioni e delle menzioni legate al singolo candidato scoprendo che in testa non c’è la Meloni, considerata dall’Accademia della Comunicazione la più social di tutte, ma c’è Virginia Raggi. Lo schema di seguito è emblematico

isaydata_citazioni

Scrive Isaydata

Sono state 56.500 le citazioni sui candidati a sindaco di Roma. Virginia Raggi è in prima posizione con 13.600 mention. Secondo posto per Stefano Fassina con 12.100 citazioni, terzo Alfio Marchini che subisce una contrazione del 25,5%, rispetto all’analogo periodo precedente, attestandosi a 10.900 citazioni. Giorgia Meloni è quarta con 10.200 mention ed un decremento del 32,7%. Ultimo in classifica è Roberto Giachetti che, con 9.774 citazioni, fa comunque segnare il microscopico aumento dello 0,8%. .

Ma al di là della quantità, qual è il sentimento associato alle mention? Il dato in questione si estrapola ancora una volta dal database di Isaydata che con questo grafico molto interessante spiega quanto “sono amati, odiati o lasciano indifferenti” i singoli candidati.

sentiment