World Press – Rassegna Stampa Internazionale del 27 giugno 2008

di IsayStaff Commenta

Spread the love

Ore 01:21. La notte è ormai profonda qui nella pianura padana, di poco a ridosso delle prealpi, eppure il caldo tipicamente estivo è finalmente arrivato. Cosi in pantaloncini corti e canottiera smanicata mi appresto a presentarvi le prime pagine dei giornali di oggi.


Italia: Una telefonata ti allunga la vita. Chi non se lo ricorda lo spot di Lopez. Eppure in questo caso le telefonate non fanno nient’altro che allungare i tempi dei processi. Povero Silvio. Un po’ lo posso anche capire; chissà come mai i giudici se la prendono con lui solo quando è premier. Non possono accusarlo un po anche quando è all’opposizione. Questa volta, fonte l’Espresso, verranno pubblicate le intercettazioni tra Berlusconi e Saccà. Come da La Stampa:

“Saccà-Berlusconi, nuove telefonate. Depositate novemila intercettazioni”

Non c’è che dire i due amavano telefonarsi. Al di là delle battute, sembra che dalle intercettazioni siano emerse diverse “raccomandazioni” di questo e quello al direttore Saccà. Come si può comprendere i rapporti tra Rai e Mediaset non sono cosi lontani come vogliono farci credere allora…

USA: Negli Stati Uniti il mercato azionario sta crollando. I telegiornali di casa nostra ne parlano poco, si soffermano molto di più su delle telefonate che trovano un po’ il tempo che lasciano. In compenso il Dow Jones non è in caduta libera, di più. Perde sistematicamente 300 punti ogni giorno (circa 3%) da quasi 10 giorni. Il prezzo del petrolio è in salita e si prevede il barile possa crescere fino a 165$. Prezzi mai visti che devono spaventare anche noi. Questo mentre, dalle pagine del New York Times, si parla di una nuova dichiarazione della Corte Suprema:

“Justices Rule for Individual Gun Rights” – “Regole di Giustizia per i diritti sulle armi a uso personale.”

La decisione della Corte Suprema consiste nel rendere il cittadino il primo difensore di se stesso, regolarizzandolo con un arma a suo piacimento. In questo modo la città si sentirà più sicura, naturalmente con tutte le problematiche del caso.

Francia: Poco si trova oggi sulle pagine dei quotidiani francesi troppo indaffarati a elogiare la vittoria spagnola che qualifica gli iberici in finale. Una Spagna che ha demolito la Russia, che secondo Le Monde, è la nuova frontiera. Una frontiera che sta cercando di sfondare verso est, laddove nulla c’è. Almeno per ora…

Gran Bretagna: Attenzione chiamare con i telefonini mentre si guida è pericoloso. E non venite a raccontare che utilizzate il bluetooth o altre tecnologie simili perchè il Daily Telegraph è pronto a stroncarvi:

“Driver using hands-free phone caused fatal crash” – “Guidatore che utilizza telefonino con auricolare causa incidente fatale.”

Basta raccontare baggianate, bisognerebbe capire che non si può e non si deve telefonare in macchina. O meglio, si può ma solo se si è fermi e in sicurezza. Se di cronaca si parla sul Telegraph uguale genere troviamo sul The Times, che riporta come un giudice statunitense abbia bloccato la pubblicazione di un romanzo di un carcerato. La storia narrava del suo duplice delitto, per il quale è stato condannato, alla moglie e alla figlioletta.

Germania: Per la serie “Mettiamo le mani avanti e facciamo gli scongiuri” ecco che la Germania si appresta ad affrontare la Spagna. Uno 0 – 3 quello spagnolo rifilato alla Russia che viene visto come una fatale tripletta che renderà duro il lavoro di Mertesacker e Metzelder, difensori della nazionale teutonica.

Spagna: Inutile dire che i quotidiani spagnoli sono impegnati nel presentare alla Spagna la finale di Euro 2008, contro la Germania, dopo la vittoria nella serata di ieri contro la Russia per 3 a 0. Una vittoria che El Pais riesce a spiegare in una sola parola, che però dice tutto:

“Inolvidable” – “Indimenticabile”

Come i rigori della malasorte che ci hanno eliminato. Dannazione!

Cina: La minaccia nucleare si fa indietro in Corea. Infatti è notizia di questi giorni, da come viene riportato su China Daily, che Pyongyang abbia dichiarato l’esistenza del suo piano nucleare e che abbia intenzione di fare tutto quanto sia in suo possesso per uscire dalla “black list” dei paesi pericolosi:

“Pyongyang declares nuke plans” – “Pyongyang dichiara piani nucleari”

Per oggi è tutto. Buona giornata!

Lascia un commento