La revisione dei vitalizzi potrebbe cadere al senato

di Daniele Pace Commenta

La revisione dei vitalizi, passata ieri alla Camera, potrebbe però arenarsi al senato, dove i partiti che hanno votato a favore, non hanno la maggioranza.

verdini

La revisione dei vitalizi, passata ieri alla Camera, potrebbe però arenarsi al senato, dove i partiti che hanno votato a favore, non hanno la maggioranza assoluta. PD, Lega e M5S infatti, avrebbero 146 voti, mentre la maggioranza assoluta è a 161. In più molti deputati del PD hanno votato mal volentieri a favore della revisione, mentre Mdp si è astenuto, e senza i loro voti non si passerebbe. Anche Verdini potrebbe essere cooptato, mentre molto più difficile appare coinvolgere Forza Italia. Se alla Camera il sì è stato schiacciante, la legge Richetti, per passare al Senato, dovrà avere l’appoggio degli astenuti, e non vedere defezioni ne PD. Luigi Zanda, capogruppo PD, sarà chiamato ad un’opera di convincimento non solo all’interno del suo partito, ma anche all’esterno. Operazione difficilissima, complicata dalla dichiarazione dei verdiniani, che con Lucio Barani hanno già anticipato un no senza discussioni al DDL. A questo punto, il PD dovrà trovare una merce di scambio con Forza Italia, e puntare su una rotta di collisione tra forzisti della Camera e quelli del Senato. Alla Camera, Renato Brunetta, aveva già detto il suo no al taglio dei vitalizi, perché: “uccidete la democrazia” e “date il via a una macelleria sociale perché il famoso ricalcolo piomberà sulla testa dei pensionati normali”. Paolo Romani, capogruppo dei senatori FI dirà la stessa cosa? È più che probabile, vista la sensibilità all’argomento, non solo demagogica. Il rischio di perdita dei diritti acquisiti, anche per i cittadini normali, c’è.