Cagliari, muore intossicato nella raffineria di Saras

di Michele Laganà Commenta

Foto: AP/Lapresse

Un morto e due feriti è l’ennesimo bilancio di un incidente sul lavoro nella raffineria di Saras di Sarroch in provincia di Cagliari. I tre operai di una ditta esterna, stavo effettuando dei lavori di pulizie di una sostanza tossica. Due di loro si trovavano all’interno e le forti inalazioni li avrebbero resi incoscienti e storditi completamente.

Il terzo, si stava precipitando verso i colleghi per soccorrerli ma è scivolato sulle scale e cadendo, si è procurato diversi traumi. Subito trasportato in ospedale ha avuto un arresto cardiaco ed è stato trasferito nel reparto di rianimazione dove è morto. Gravi anche le condizioni di Gabriele Serrano, 23 anni, ricoverato all’ospedale Brotzu di Cagliari. Non destano, invece, preoccupazione quelle di Luigi Catania, il terzo operaio coinvolto nell’incidente.

I sindacati della CGIL hanno indetto uno sciopero di otto ore, proprio oggi, con la motivazione: “Le otto ore di sciopero hanno proprio il significato della ribellione di fronte a uno stabilimento che ha dimostrato altre volte, anche sul piano dell’inquinamento, di non avere troppo rispetto per il territorio e per chi vive e lavora lì!”. Secondo Enzo Costa, presidente della CGIL sarda, l’incidente è “sovrapponibile a quello di due anni fa, dimostra che nella raffineria più grande del Mediterraneo non c’è attenzione per la sicurezza dei lavoratori”.

Lascia un commento