Il G7 di Taormina

di Daniele Pace Commenta

Sensazioni positive e sensazioni negative al G7, d'accordo su alcuni temi, mentre su altri i risultati sono stati considerati insoddisfacenti.

g7

Sensazioni positive e sensazioni negative al G7 di Taormina, dove i 7 grandi, con qualche esclusione, si sono trovati d’accordo su alcuni temi, mentre su altri i risultati sono stati considerati insoddisfacenti. È il clima, il nodo cruciale su cui Stati Uniti ed Europa non riescono a trovare una sintesi, anche dei pur blandi vincoli che il vecchio continente vorrebbe mettere alle emissioni. Molto delusa si è detta la Merkel, particolarmente battagliera sul tema ambientale, che in effetti, in Germania, è molto sentito e appoggiato. Il paese infatti è in prima linea non solo per la riduzione delle emissione, ma per la rinuncia alle fonti fossili, con grandi investimenti nel settore delle rinnovabili. Di questo passo, i tedeschi potranno liberarsi dalla dipendenza del petrolio entro 20 anni, mentre altri paesi sono ancora al palo.

Ma se sul clima, Trump non ha voluto cedere, è stato sul protezionismo, suoi cavallo di battaglia elettorale, che il presidente americano ha dovuto mollare la presa, più che altro per le evidenti problematiche che un mondo ormai globalizzato, pone a misure di chiusura del proprio mercato. È praticamente impossibile ormai chiedere agli altri paesi di importare, ma non esportare, pregiudicando così la bilancia dei pagamenti. A meno di non pensare ad un’utopica autarchia, è più sensato trovare un equilibrio tra gli scambi commerciali. Sul fronte terrorismo invece, tutti d’accordo, naturalmente.